Scia d’ombre

Paolo, seduto in seconda classe sul regionale Salerno-Potenza, sta tornando a casa.
Un’altra settimana di lavoro è finita, volata via come tutte le altre. Dopo sette giorni passati nella confusione di Salerno, non vede l’ora di rientrare al Rione Montereale, frazione a due passi dalla Stazione di Potenza Centrale.

Continua a leggere

Annunci

Non è mai troppo presto

Oggi sono contento.
Perchè? mah, in sostanza perchè sono vivo e cerco di godermi ogni istante che passa.
Quando sono in questo stato d’animo magico, il mio buon cuore trabocca di ringraziamenti verso tutti quelli che, volenti, nolenti o inconsapevoli, hanno collaborato a farmi vivere questi sentimenti. Anche voi, quindi, cari amici di penna.

Continua a leggere

Cera fusa

Non so cosa m’è preso. Stavo guardando la televisione, coricato sul divano in soggiorno, quando mi è venuto in mente di controllare il mio cassetto dei segreti. Così sono andato in camera, mi sono seduto davanti al comodino, ho tolto il cassetto e me lo sono appoggiato sulle gambe.
E’ pieno fino all’orlo; neanche mi ricordavo di aver così tanti segreti.
Devo fare un po’ di pulizia.
Continua a leggere

Eppure

Spettatori distratti, attratti
dal buio in fondo alla scena,
attori cui sfugge il senso e la trama,
siamo orme che durano il tempo di un’onda
disegnata da un tiro di sasso lontano.

Eppure basta lo sguardo di un bimbo,
risonanza profonda a ricordi lontani,
che il tempo, discreto, si ferma
e l’eterno ci sfiora le mani.

Domani

 

Domani vorrei avere ancora nel cuore queste emozioni.

 

Lindbergh

Non sono che il contabile
dell’ombra di me stesso
se mi vedete qui a volare
è che so staccarmi da terra
e alzarmi in volo
come voialtri stare su un piede solo
difficile non è partire contro il vento
ma casomai senza un saluto.

Non sono che l’anima di un pesce
con le ali
volato via dal mare
per annusare le stelle
difficile non è nuotare contro la corrente
ma salire nel cielo
e non trovarci niente.

Dal mio piccolo aereo
di stelle io ne vedo
seguo i loro segnali
e mostro le mie insegne
la voglio fare tutta questa strada
fino al punto esatto
in cui si spegne
la voglio fare tutta questa strada
fino al punto esatto
in cui si spegne.

(Ivano Fossati)